#donnansia

La caratteristica principale delle donne che in questo articolo chiameremo “donne-ansia” è la loro fortissima persistenza nel voler tenere sotto controllo tutto.

Si tratta di donne molto performanti che per raggiungere i loro obiettivi si obbligano a seguire percorsi esistenziali ben strutturati e alquanto rigidi.

Hanno un fortissimo senso del dovere e tendono a sentirsi spesso in colpa.

La loro mente è spesso invasa da regole da rispettare, si ispirano ad ideali troppo alti e sentono fortemente il peso delle aspettative degli altri.

Per non deludere mai nessuno tendono a programmare e pianificare tutto, danno grande importanza al giudizio degli altri da cui sono profondamente condizionate.

Dietro a tutto questo controllo si cela però una fortissima carica energetica che purtroppo però tengono intrappolata dalla troppa paura di essere giudicati, criticati e di deludere.

Ed ecco perché spesso soffrono di ansia.

L’ansia arriva come un’ onda travolgente per liberare le energie represse e stagnanti.

Quando infatti viviamo aderendo a un modello esteriore, l’energia ristagna e l’ansia arriva per spezzare le sbarre della gabbia in cui ci siamo imprigionati.

In realtà ancora e ancora una volta l’ansia con tutte le sue manifestazioni è venuta in nostro soccorso per mostrarci la nostra vera essenza.

L’ansia non è un mostro ma l’espressione della nostra parte più vitale e sana.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi approfondire questa tematica puoi trovare un capitolo dedicato alle caratteristiche delle donne ansiose nel libro “L’Ansia Può Salvarti” di Francesca Frascarelli disponibile su Amazon in particolare nel capitolo “SESSO SENZA ANSIA” a cura della Dr.ssa Giuseppina Pollino, psicologa e sessuologa.

Troverai informazioni e consigli pratici di valore che ti aiuteranno a comprendere più a fondo la situazione che stai vivendo e magari, perché no, a migliorarla anche. 

ACQUISTA IL MIO LIBRO SU AMAZON >>>

Ricordati che tutto quello che leggerai NON va a sostituirsi all’intervento di uno specialista.